Creatività nella tessitura

Creatività nella tessituraLa tessitura è una pratica diventata nel tempo una forma d’arte.

Nata agli albori dell’uomo è una delle più antiche e geniali invenzioni presenti già dal neolitico. Tessere, cioè intrecciare fibre e poi decorarle a mano con pigmenti colorati, miscele primordiali divenute poi col passare dei millenni e con l’evoluzione dell’uomo e della sua conoscenza stampe meravigliose.

Dall’uomo primitivo a oggi i tessuti hanno fatto parte della storia del cammino dell’uomo e della sua creatività. Una capacità nata innanzitutto dalle necessità quotidiane di soddisfare le esigenze materiali di coprirsi, vuoi per l’insorgere di uno spiccato senso del pudore, vuoi per proteggersi dai rigori del freddo o dai raggi del sole.

Ll’uomo, nel suo cammino verso il progresso, inventa anche dei manufatti che lo aiutano a migliorare, perfezionare e velocizzare la tessitura. Cosi dai primi telai rudimentali, epoca dopo epoca, nascono macchine sempre più sofisticate che realizzano in tempo breve migliaia di metri di tessuto.

L’ingegno umano però non si è accontentato di tessere, ma ha voluto anche abbellire i tessuti che desidera sempre più colorati, belli da vedere e da indossare.

Dda questa idea nascono le tecniche di colorazione conosciute e praticate già da molte popolazioni antiche: dai greci agli egizi, dagli Ittiti ai Sumeri; le vesti erano adornate da tinte e disegni; le tecniche tramandate e perfezionate sono giunte al Medioevo e poi diffuse, in un crescendo di migliorie fino ai giorni nostri.

Fino all’epoca delle stampe digitali e delle sperimentazioni chimiche, alle miscele di designer e coloritori qualificati; ma sempre pura espressione della creatività dell’uomo calda e vibrante come le calde e morbide stoffe prodotte oggi.

Author: Giusy Ragni

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>