The Green Carpet Fashion Awards: gli Oscar della moda etica e sostenibile

Author: Emanuela Longo
Photo: wwd.com

La Fashion Week milanese è tornata con i suoi imperdibili appuntamenti in scena dal 20 al 25 settembre. Sono stati in tutto 20 gli eventi in calendario per 63 sfilate in totale e 94 presentazioni ed alcuni importanti debutti. Nel fitto calendario di appuntamenti, vale la pena segnalare The Green Carpet Fashion Awards andata in scena il 24 settembre scorso al Teatro alla Scala di Milano. Si è trattato della emblematica cerimonia di premiazione che ha contribuito a trasformare la settimana della moda meneghina in un “evento mondiale costruito sulla sostenibilità”, come lo ha definito Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana.

L’evento si è posto l’obiettivo di premiare gli Oscar della moda sostenibile ed ha visto ospiti eccelsi del calibro di Colin e Livia Firth, Helen Mirren e Julianne Moore. La kermesse ha voluto accendere i riflettori su una serie di questioni destinate a passare spesso in secondo piano. Quando ci troviamo di fronte ad una vetrina ad osservare un abito, forse ne apprezziamo la sua fattura, i colori ed i tessuti. Ma quanti realmente si domandano chi lo ha realizzato e come? In quali condizioni ha lavorato e cosa si cela davvero dietro la sua realizzazione? E’ stata forse impiegata manodopera sottopagata? Domande, queste, alle quali hanno posto attenzione i Green Carpet Fashion Awards, evento che ridà importanza ad una moda sostenibile che tenga conto sì dell’ambiente, ma anche delle condizioni umane di chi con la moda ci vive.

In Italia è possibile trovare tutte le fasi di produzione manifatturiera della moda, dai tessuti al prodotto finale. Per questo il Made in Italy deve essere sostenuto e considerato una risorsa importante da tutelare. Ecco allora che per crescere il nostro Paese ha bisogno di abbracciare una moda sostenibile in ogni fase. Un progetto certamente ambizioso, che il nostro Paese ha intrapreso dal 2011 e che porta avanti con grande interesse e successo. L’obiettivo è quello di giungere ad una certificazione dell’intera filiera in grado di essere chiara e trasparente per ciascun consumatore al pari degli alimenti che portiamo sulle nostre tavole.

Per questo si è pensato anche quest’anno ad un evento da collocare nell’ambito della Fashion Week di Milano al fine di premiare chi ogni giorno si impegna a creare una moda sostenibile ed etica. I premi assegnati sono stati in tutto undici, tra cui un premio a Gisele Bündchen per il suo impegno a salvaguardia della foresta pluviale brasiliana, ed uno consegnato a Chiara Vigo per la produzione del bisso marino. Nel corso della kermesse è stato riservato spazio anche agli stilisti emergenti e che rappresentano il futuro della moda Made in Italy.