Author: Emanuela Longo
Photo: Bentoa.com

“La classe non è acqua!”: quante volte abbiamo sentito pronunciare questa espressione? Spesso l’eleganza la si riscontra proprio nei dettagli e soprattutto nell’abbigliamento maschile, essendo meno variegato di quello femminile, proprio il dettaglio potrebbe fare la differenza. Quando si parla di look da cerimonia, ci si attende un mix perfetto tra classicità e formalità, anche se non sempre ciò rappresenta cosa semplice da realizzare.

In occasioni come cerimonie importanti, che siano esse il matrimonio di un amico o di un parente o anche solo un evento speciale, l’eleganza diventa necessaria. Ecco evitare di essere noiosi nel look e fare al tempo stesso un figurone?

Il rischio, in casi come questi, è sempre quello di apparire troppo poco eleganti. Se siamo sprovvisti di dritte chiare sul dress code richiesto, è utile sempre tenere in considerazione la location in cui l’evento si svolgerà. Se, ad esempio, siamo invitati ad un matrimonio in spiaggia, è chiaro che il look richiesto sarà un abito destrutturato e in cotone leggero o lino, dal colore chiaro o addirittura con un total white in perfetto stile Giorgio Armani. Di contro, un matrimonio in città richiederà necessariamente un look più classico con abito scuro (blu o grigio) e giacca doppiopetto.

Altro indumento sinonimo assoluto di eleganza e ideale per look da cerimonie è rappresentato dalla camicia, bianca o comunque a tinte chiare. Questa va necessariamente indossata sotto la giacca, da togliere solo quando saranno ufficialmente aperte le danze e mai prima. Se non siete particolarmente propensi ad indossare (e sopportare) la cravatta, allora optate per la camicia con collo alla coreana. Oltre ad essere elegante e anche molto contemporanea e soprattutto meno impegnativa.

Un ulteriore capo decisamente elegante e destinato non solo alle cerimonie notturne ma, sempre più spesso anche a matrimoni è lo smoking. Un capo non solo glam ma in grado di donare un fascino irresistibile a chi lo indossa.

In questo caso, più che la cravatta è necessariamente richiesto il papillon. Ma come sceglierlo? Puntate esclusivamente sul nero, di seta o gros-grain. I più eccentrici possono puntare sulla proposta di Saint Larent, nella variante in seta e paillettes tono su tono.

La cravatta, di contro, rappresenta un dettaglio importante in termini di eleganza e quasi mai può mancare in un look per cerimonia. In questi casi però, non dovrà essere lei la protagonista assoluta, quindi puntate su tinte molto sobrie e meno eccentriche rispetto a quelle che potreste scegliere per eventi meno formali.

Un capitolo a parte va poi riservato alle scarpe da indossare in occasioni importanti e cerimonie. Il modello Oxford, più formale, prevede l’allacciatura chiusa, a differenza del modello Derby. Entrambi però sono pensati per essere indossati ad un matrimonio anche se a fare la differenza sarà la foggia ed il colore (meglio scegliere i classici marrone o nero).

Ci sono infine tutti gli altri dettagli che, ancora una volta, potrebbero fare la differenza. Il fazzoletto da taschino è uno di quelli. In questo caso, però, piccolo appunto: mai abbinarlo alla cravatta! Anche i gemelli potrebbero completare il look da cerimonia, ma meglio se restano su una base di sobrietà. Quindi le bretelle a completare il tutto ed in grado di conferire un tono chic e da vero dandy a chi le indossa.